Caporalato killer. Ancora 3.500 braccianti nei ghetti di Gioia Tauro. Lavorano senza alcun tipo di contratto sette persone su dieci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A otto anni dalla rivolta di Rosarno nella piana di Gioia Tauro restano invariate le condizioni di vita e di lavoro. Almeno 3.500 braccianti stagionali che forniscono manodopera a basso costo ai produttori locali di arance, clementine e kiwi vivono in insediamenti informali, tendopoli o capannoni abbandonati. La denuncia è contenuta nel report realizzato da Medici per i diritti Umani (Medu) che da cinque anni con una clinica mobile segue le condizioni di salute degli “schiavi”. Il “ghetto” più grande è quello della zona industriale di San Ferdinando che, in un capannone e nella vecchia fabbrica adiacente, accoglie il 60% dei lavoratori stagionali della zona tra cumuli e roghi di rifiuti. Medu lì ha curato 484 persone: si tratta di giovani lavoratori con un’età media di 29 anni, provenienti dall’Africa sub-sahariana, tra cui un centinaio di donne dalla Nigeria. Ma accanto alle precarie condizioni di lavoro, sono quelle di vita, a pregiudicare la salute fisica e mentale degli stagionali: le patologie più frequenti riguardano l’apparato respiratorio e digerente, in alcuni casi i medici quest’inverno hanno riscontrato principi di congelamento degli arti. Solo 3 persone su 10 lavorano con un contratto, le altre vengono pagate a cottimo o a giornata, tramite caporali. “In otto anni – sottolinea Riccardo Noury, portavoce di Amnesty – nulla è cambiato ma è cambiato il clima che c’è intorno all’immigrazione: la campagna elettorale è stata intrisa di xenofobia e di messaggi d’odio. Dopo le elezioni il tema è sparito”.