Quando Salvini diceva che a Carla Fracci interessavano più gli immigrati degli italiani

salvini carla fracci 1
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi Matteo Salvini ha scritto un tweet commosso per salutare Carla Fracci, morta oggi a Milano a 84 anni. “È mancata stamane nella sua Milano, al cui prestigio internazionale tanto ha dato. Un commosso addio a Carla Fracci, simbolo assoluto della danza, dell’arte e della cultura, che in tanti anni di carriera formidabile ha illustrato il nome dell’Italia nel mondo”, ha scritto il segretario della Lega.

Quando Salvini diceva che a Carla Fracci interessavano più gli immigrati degli italiani

E subito la memoria di molti è andata a quando, su Twitter e Facebook, lo stesso Salvini il 19 maggio del 2017 la infilava in un lungo elenco di “amici” dei migranti. “Centri sociali, Carla Fracci, Croce Rossa, Emma Bonino, Cgil, Roberto Vecchioni, Claudio Bisio, sindaci del Pd e Cooperative rosse. Tutti allegramente in piazza domani a Milano, col portafoglio pieno, per chiedere più diritti e più accoglienza per gli immigrati. A loro gli italiani interessano poco. Scommettiamo che tivù e radio ne parleranno per ore? Se anche a te girano le palle, fai girare. #stopinvasione”.

carla fracci salvini

Carla Fracci era infatti tra le personalità che avevano dato l’adesione alla marcia “Milano contro i muri” per chiedere una società più tollerante, plurale e aperta alle diversità. E nata su ispirazione di quella “Vogliamo accogliere” di Barcellona. La marcia, nonostante Salvini, si svolse dopo che un militare e un agente di polizia avevano subito un’aggressione in stazione da un uomo di colore, Tommaso Bein Yousef Hosni Ismail, che poi si rivelò essere cittadino italiano, come spiegato all’epoca dal sindaco Peppe Sala: “Il criminale che ha accoltellato gli uomini delle forze dell’ordine è figlio di madre italiana e di padre nordafricano ed è italiano a tutti gli effetti. Ciononostante a qualcuno fa comodo buttare questo atto criminoso sul conto dei migranti”.

Leggi anche: Il politico di Forza Italia che dice che i gestori della funivia del Mottarone sono “vittime di regole assurde”