Carlo seduce e abbandona Matteo. Continua il bestiario elettorale

Il Pd di Bibbiano aspetta ancora le scuse di Di Maio. Il leader della Lega rilancia sul federalismo culinario.

È giovedì, sembra essere passata un’era ma siamo solo all’inizio della campagna elettorale. Se fosse una serie televisiva sarebbe quasi divertente, solo che qui c’è in gioco il Paese. Ecco il bestiario elettorale di giornata.

ASSEMBLEA NAZIONALE ITALIA VIVA

IL RITORNO DEL “PARTITO DI BIBBIANO”
Mentre Luigi Di Maio si prepara a candidarsi nelle liste del Pd per assicurarsi un posto in Parlamento, da Bibbiano il segretario dem Stefano Marazzi non le manda a dire: “Inutile negarlo, non nascondo che la nostra comunità locale abbia sofferto tanto e che da Di Maio si aspetterebbe ancora delle scuse”, dice il segretario cittadino. Del resto fu proprio Di Maio del PD che “toglieva i bambini alle famiglie con l’elettroshock per venderseli”. Le scuse forse non arriveranno, Di Maio sicuramente sì.

ASILO CALENDA
Qualcuno accusa Carlo Calenda di avere lasciato solo Matteo Renzi e con lui “un polo riformista del 10%” (tranquilli, niente di che, è il solito centro che ogni giro si affibbia un’etichetta diversa). Calenda risponde: “Può essere. Ma ho anche evitato la vittoria a tavolino della Meloni, con un accordo che esclude 5s e voti di Azione a Di Maio e co. Tutto sommato scelta meno dolorosa di quella che ha fatto Matteo Renzi quando ha fatto un governo con Conte, Bonafede etc., per la stessa ragione. Aggiungo che il polo si può costruire dal 26 settembre, l’Italia no. Riflettici Matteo”. In sostanza offre la pace agitando il bastone. Se le ripicche fossero voti Calenda sarebbe presidente dell’universo.

RENZI TRADOTTO
Matteo Renzi: “Il PD mi ha proposto il diritto di tribuna. Io non mi faccio candidare da quel partito per salvare una poltrona, mi chiamo Renzi non Di Maio”. Tradotto: una poltrona è troppo poco.

L’INCAZZATURA DI CITTADINANZA
Gianluigi Paragone
presenta Italexit e in conferenza stampa dichiara (piuttosto minaccioso): “O le istituzioni capiscono che il dissenso deve rimanere nel perimetro istituzionale o questo dissenso andrà fuori. O entriamo in parlamento o accompagnerò la voce del dissenso fuori dal parlamento, o faremo i conti. Io sarò in piazza, avviso già il presidente della Repubblica. E vediamo cosa sanno fare le forze dell’ordine”. Curiosa questa teoria che gli incazzati abbiano il diritto di essere eletti: servirebbe un Parlamento con 60 milioni di posti, visti i tempi. E poi chi decide chi tra gli incazzati merita di entrare in Parlamento? Le elezioni, appunto.

BASE SENZA BASE
Caso nelle liste PD in Toscana: Luca Lotti è stato escluso dalla proposta delle candidature della segreteria regionale. Probabilmente verrà però candidato dalla segreteria nazionale. Il leader della corrente Base Riformista all’interno del PD non ha più la base. È l’uomo perfetto per essere salvato da Letta.

SENZA MOIJTO
Non è il moijto a fare male a Salvini. È proprio così di suo. Ieri in comizio a Bari ha detto: “Vi chiedo una scelta politica quando fate la spesa: mangiate pugliese, beviamo pugliese. Lasciate sugli scaffali le cose dall’altra parte del mondo”. Siamo al federalismo culinario. Poi si è buttato con la solita competenza sulla transizione ecologica: “Vogliono le auto elettriche. Spiegate al PD che non hanno ancora inventato il peschereccio elettrico e il trattore elettrico”. La sua solita battuta da padre: “Lo dico non da capo della Lega, ma da padre: tutti i bambini devono andare a scuola. La dad ha già fatto abbastanza problemi”. E infine un classico: “Finché campo combatto il presunto diritto dei giovani di ammazzarsi: chi sceglie Lega dice no alla droga”. Comprereste un’auto usata da quest’uomo (anche da sobrio)?

6-segue

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram