Caro Battiato, le barricate le fai per conto della borghesia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bello quel mondo in cui ognuno fa il suo mestiere. Dovrebbe essere concessa quale unica deroga la panchina della nazionale, anche perché dispiacerebbe rovinare quel luogo comune così radicato per il quale siamo un popolo di commissari tecnici.

Per il resto è banalmente ovvio che Beppe Grillo avrebbe fatto bene a continuare a fare il comico, almeno quanto avremmo preferito (e molto) un Berlusconi imprenditore. Allo stesso modo ci piacerebbe un Franco Battiato perso tra i campi del Tennessee, o assorto ad osservare un ombrello su una macchina da cucire, piuttosto che impegnato a dispensare commenti politici.

Certo, si obietterà che Battiato non è più solo un cantautore ma anche un politico, da quando è assessore in Sicilia (la categoria dei tecnici è una sciocca invenzione).
A Battiato, quindi, un consiglio e un augurio: il primo è di evitare temi che lo portano su salmi un poco stonati, il secondo è di poter passare il tempo a contemplare il cielo e i fiori. Che è meglio.

@coconardi

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA