Caso Loquenzi. Casaleggio impone un nuovo voto sul capo della comunicazione a Montecitorio silurata la settimana scorsa. E per fortuna che decide la base

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non può che essere definito un diktat quello di Gianroberto Casaleggio. Il guru del Movimento 5 Stelle ha preteso che si rivotasse per definire la posizione di Ilaria Loquenzi silurata mercoledì scorso (26 voti contro 17) come capo della comunicazione a Montecitorio. La reazione è arrivata a scoppio ritardato, ma come prevedibile c’è stata. Con Casaleggio che è tornato a proporre il nome della sua fedelissima e con il via libera dei deputati pentastellati che appare quasi certo. Il voto ci sarà in serata. E se dovesse arrivare una bocciatura, ipotesi remota, innescherebbe un cortocircuito nel Movimento senza esclusione di colpi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA