Conte e Al Sisi hanno parlato del caso Regeni. Il presidente egiziano ha ribadito l’intenzione di assicurare alla giustizia chi ha torturato e ucciso il ricercatore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si è parlato soprattutto del caso di Giulio Regeni, il ricercatore italiano sequestrato e ucciso in Egitto nel 2016, in circostanze ancora oggi da chiarire, nel corso dell’incontro fra il premier Giuseppe Conte e il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi, a margine Conferenza per la Libia a Palermo. Un comunicato della presidenza egiziana, citando il portavoce presidenziale, l’ambasciatore Bassam Radi, ha riferito che il premier italiano e Al Sisi hanno parlato delle  “inchieste in corso sull’omicidio dell’accademico italiano Giulio Regeni e la cooperazione comune per far luce su questo omicidio e assicurare gli aggressori alla Giustizia”. Al Sisi ha, inoltre, lodato “gli sviluppi positivi che stanno vivendo le relazioni tra i due Paesi nel recente periodo”, sottolineando “l’importanza che l’Egitto attribuisce a queste relazioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA