Catania, perquisita la nave di Save the Children. L’indagine è relativa ai rapporti tra Ong e trafficanti di migranti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Perquisita la nave di Save the Children Vos Hestia impegnata nelle operazioni di soccorso nel Mediterraneo e che adesso si trova nel porto di Catania. A condurre le operazioni la polizia su disposizione della procura di Trapani che ha aperto tempo fa un fascicolo sull’operato delle Ong. A bordo della nave ha operato anche un agente sottocopertura. Il comandate della nave Vos Hestia Marco Amato, da settembre, è indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il nome del comandante sarebbe stato fatto da Pietro Gallo, l’uomo che lavorava per la ‘Imi security service’ – società che si occupava della sicurezza a bordo della nave di Save the Children – e che con le sue dichiarazioni ha fatto partire l’inchiesta. L’agente sottocopertura a bordo, invece, avrebbe documentato con fotografie i contatti tra i trafficanti libici e alcuni uomini che a bordo dell’imbarcazione.

Lo scorso mese di agosto, sempre la procura di Trapani, aveva disposto il sequestro di un’altra nave Ong, la tedesca Jugend Rettet, accusata di contatti con i trafficanti. Con il personale indagato comunque per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.  A bordo della Vos Hestia ha operato per diverso tempo anche un agente sotto copertura che ha documentato con diverse foto i presunti contatti in mare aperto tra i trafficanti libici e gli uomini a bordo della Jugend Rettet.