Centrodestra a pezzi dopo il fallimento della candidatura Casellati. Meloni: “FdI e Lega leali, altri no. Con questo Parlamento non si può decidere niente. Elezioni subito”

Meloni Quirinale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’Italia ha solo un modo per uscire dal blocco creato da certa politica: elezioni subito per dare alla Nazione un governo degno di questo nome. Dopo l’elezione del Presidente della Repubblica, la parola torni agli italiani”. È quanto scrive su Facebook la leader di FdI, Giorgia Meloni, postando un video con delle dichiarazioni in tv del deputato Giovanni Donzelli (qui il post).

“Questa bizzarra liturgia dell’elezione del presidente della Repubblica – ha aggiunto Meloni – dimostra che con questo Parlamento non si può decidere niente e, quindi, la soluzione più responsabile sono elezioni. Se il capo dello Stato l’avessero votato gli italiani, come prevede la proposta di legge di FdI per l’elezione diretta del capo dello Stato, l’avrebbero eletto in un giorno”.

“Fratelli d’Italia – ha detto ancora la leader di FdI -, anche alla quinta votazione, si conferma come partito granitico e leale. Anche la Lega tiene. Non così per altri. C’è chi in questa elezione, dall’inizio ha apertamente lavorato per impedire la storica elezione di un presidente di centrodestra. Le decine di milioni di italiani che credono in noi non meritano di essere trattati così. Occorre prenderne atto, e ne parlerò con Matteo Salvini, per sapere cosa ne pensa”.

“Chi dice che con Casellati rischiamo la crisi di Governo – ha aggiunto Meloni – lo fa per spaventare i parlamentari. Indegno. Si sta dicendo ai cittadini che si sceglie il capo dello Stato sulla base della propria poltrona. Non è un ricatto credibile. A chi a sinistra sta dicendo che se si vota un candidato di centrodestra cade la legislatura consiglio prudenza”.

Leggi anche: Elezioni Presidente della Repubblica, risultati quinta votazione: Casellati si ferma a 382 voti, la Destra non è compatta. Si torna in Aula alle 17 per il sesto scrutinio.