Charlie Hebdo senza pace, a 18 mesi dall’attentato arrivano nuove minacce. Nel mirino alcuni redattori

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora Charlie Hebdo sotto la minaccia del terrorismo islamico. A un anno e mezzo dalla strage del gennaio 2015, la rivista satirica è finita ancora nel mirino di alcuni profili social estremisti. Per questo è stata presentata una denuncia alla polizia francese, che ha aperto un fascicolo di indagine. Su alcuni account, infatti, sono state pubblicate minacce ad alcuni redattori: quei commenti sono stati poi cancellati. Ma la preoccupazione resta molto alta. “Niente può essere lasciato al caso in vicende come queste. Gli autori delle minacce saranno identificati e dovranno spiegarsi per bene”, riportano i media francesi, citando fonti di polizia.

“Era parecchio tempo che non arrivavano messaggi di questo genere”, hanno fatto sapere i redattori di Charlie Hebdo, pur volendo restare sotto anonimato. Insomma la tensione torna a crescere intorno al giornale francese che in quel tragico 7 gennaio ha visto morire il direttore Stephane “Charb” Charbonnier”, Georges WolinskiPhilippe Honoré, Jean “Cabu” Cabut e Bernard “Tignous” Verlhac.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA