Chi sale e chi scende dal Carroccio. Altolà di Salvini a Tosi: chi mette in discussione Zaia può accomodarsi fuori

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Guerra aperta nella Lega Nord. Dopo gli ultimi giorni di fuoco oggi il segretario del partito, Matteo Salvini, ha avvertito il sindaco di Verona Flavio Tosi: “Su Zaia non si discute. Chi lo mette in discussione si mette fuori gioco. Se c’è qualche leghista che ha tempo da perdere per beghe interne si accomoda fuori”.
Tosi, infatti, sarebbe pronto a candidarsi contro l’attuale governatore del Veneto Zaia e allora Salvini non ha girato intorno al problema affrontandolo di petto: “Se Tosi vuole litigare col mondo, il problema non è mio”.

Immediata è arrivata la replica di Tosi su Rairadio 2 nel corso di Un giorno da Pecora: “Se Salvini decidesse per espellermi? Spetta al consiglio federale in ogni caso ognuno si assume le sue responsabilità. Dicevano che ero fuori dalla Lega perché ero contro la secessione adesso è più secessionista nessuno”.