I Cinque Stelle sperano ancora nel Mattarella bis. Oggi nell’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari M5S si cercherà la quadra. Anche sul nodo dell’obbligo vaccinale

M5S Conte Mattarella
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ufficialmente auspica che rimanga in sella a Palazzo Chigi Draghi e che al Colle arrivi una donna. Ma ufficiosamente il M5S sulla partita del Quirinale conta posizioni molto più variegate. I senatori per esempio fanno il tifo per un bis di Mattarella.

Tra i primi a spendersi per questa ipotesi l’ex ministro Danilo Toninelli. I senatori, che si sono riuniti ieri, chiedono poi che i capigruppo partecipino alla scelta del presidente della Repubblica in ogni fase decisionale accanto al leader Giuseppe Conte. Oggi il rebus Colle potrebbe riproporsi nell’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari pentastellati.

Che sarà chiamata anche a trovare una posizione comune sulle nuove misure sanitarie anti-Covid in vista del prossimo Consiglio dei ministri che potrebbe tenersi domani. Una delle proposte sul tavolo di Palazzo Chigi è l’obbligo vaccinale. Si parla almeno in un primo step di introdurlo per il mondo del lavoro. Una proposta che era già rimbalzata negli ultimi due Cdm di dicembre e che era stata bocciata per le perplessità avanzate proprio dal M5S e dalla Lega.

Ma i numeri sul virus impongono una stretta e l’ipotesi è ritornata in auge. Ad aprire all’ipotesi dell’obbligo erano stati i ministri Stefano Patuanelli e Federico D’Incà. Ma il fronte del no appare all’interno del Movimento molto agguerrito. Dalla ex sindaca di Roma Virginia Raggi alla capogruppo al Senato, Mariolina Castellone, che ha parlato di intervento tardivo e non necessario in questo momento.

Toninelli ha lanciato questa mattina una diretta Facebook, poco prima del via dell’assemblea congiunta di deputati e senatori M5s. L’ex ministro M5S ha rilanciato l’appello social chiedendo “la vostra opinione sulle nomine del Presidente della Repubblica. Stiamo assistendo ad uno percorso politico davvero di livello molto basso, con Berlusconi disposto a tutto pur di essere eletto”. L’esponente pentastellato, tra i promotori della rielezione di Mattarella al Colle, promette “una diretta flash perché vengo dalla terza dose e alle 17.30 ho un’altra riunione. Chi può si colleghi e intervenga! Vi aspetto!”.