Clandestinità, è scontro nel Governo sulla depenalizzazione del reato. Il Nuovo Centrodestra alza le barricate: “Meglio non abrogare”. E il via libera slitta almeno di una settimana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scintille sulla depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina. Scontro aperto nel Governo. Il decreto che doveva avere il via libera oggi è slitatato di una settimana. Il provvedimento studiato dall’esecutivo prevede l’annullamento, dopo sette anni, del reato di clandestinità.

BARRICATE – Sul piede di guerra c’è il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano che sta facendo di tutto per provare a bloccarlo. “La vicenda del reato di immigrazione clandestina non è materia di un singolo partito. Sono consapevole”, ha affermato Alfano, “che si sono levate voci molto autorevoli e rispettabili che affermano ragioni tecnicamente valide a sostegno di una abrogazione, ma motivi di opportunità fin troppo evidenti mi inducono a ribadire che è meglio non attuare la delega ed evitare di trasmettere all’opinione pubblica dei messaggi che sarebbero negativi per la percezione di sicurezza in un momento particolarissimo per l’Italia e l’Europa”. Non c’è solo il Nuovo Centrodestra ad alzare le barricate perché anche Lega e Forza Italia promettono un’opposizione durissima qualora il Governo si orienti verso la depenalizzazione del reato. Attacca il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, che scrive su Twitter: “Renzi cancella per decreto il reato di immigrazione clandestina: prepariamoci all’invasione, cosedamatti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA