Cnel senza fine, ora minaccia pure il ricorso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

L’ultimo canto del cigno. Ed ecco allora che il Cnel alza le barricate anche contro la legge di stabilità. Ma non per avanzare dubbi sulle coperture, ma per salvaguardare i propri interessi. In Audizione ieri, infatti, il Cnel ha presentato un documento in cui informa che “si riserva la facoltà di impugnare per incostituzionalità” la parte della manovra che “surrettiziamente” sopprime anticipatamente l’ente “eludendo le procedure previste dalla Costituzione”. Nel mirino c’è il comma che stabilisce l’azzeramento di tutte le indennità ai membri del consiglio a partire da gennaio 2015.