Tonfo di Prodi, il professore non passa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una temptesta travolge il Pd. A Montecitorio la giornata si conclude con una nuova fumata nera per l’elezione del presidente della Repubblica: Romano Prodi si ferma a 395 voti, contro i 504 voti necessari. Stefano Rodotà ne raccoglie 213, Anna Maria Cancellieri 78. Massimo D’Alema ha ottenuto 15 voti. I presenti in aula sono stati 732 su 1007 grandi elettori, per effetto della scelta di Pdl, Lega e Fdi di non partecipare al voto.

Romano Prodi si è fermato sotto quota 400 voti, cioè a oltre cento punti dalla meta, le 504 preferenze. L’ex capo della Commissione Ue non ha raccolto evidentemente il consenso sperato neanche dentro il Pd. I dissidenti nel partito guidato da Pier Luigi Bersani sono stati più numerosi delle previsioni, che li davano in un numero compreso tra 30 e 40. Invece sono stati un centinaio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA