Collegamenti per la Sardegna, ecco le sanzioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Fausto Tranquilli

Costa tanto andare in Sardegna. Troppo. E i patti fatti dalla Compagnia italiana di navigazione, la Cin spa, quando con il Governo Berlusconi è stato dato l’ok a una nuova privatizzazione e consentita l’acquisizione del ramo di azienda di Tirrena, non sono stati rispettati. L’Antitrust ha deciso: due multe pesanti. Una per la stessa Cin e l’altra per la società che la controlla, la Moby spa, 271 mila euro per la prima e mezzo milione per la seconda. In totale quasi 800 mila euro da tirare fuori nell’arco di novanta giorni.

Patto disatteso
L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nel 2012, ha dato il via libera all’acquisizione del rampo di Tirrena, relativo al trasporto passeggeri e merci tra l’Italia e le isole, ponendo diversi paletti. Tra questi il divieto di mantenere accordi con operatori concorrenti finalizzati a commercializzare titoli di viaggio e il divieto di aumentare la tariffa di più di quanto necessario a far fronte alla variazione dei costi del carburante tra il 2009 e il 2012. Queste due clausole non sarebbero state rispettate dalle due società. Ne è convinta l’Authority presieduta da Giovanni Pitruzzella, che ha compiuto un’articolata istruttoria e ascoltato anche le ragioni della Regione Sardegna. L’ente pubblico ha lamentato l’aumento dei costi per i collegamenti con l’Italia centro-settentrionale, che si sarebbero aggirati sul 30%. Sulla commercializzazione dei titoli di viaggio sono invece stati individuati accordi rimasti in piedi sulle tratte Genova-Porto Torres e Civitavecchia-Olbia.

La stangata
Inutili le giustificazioni date dalla Cin e dalla stessa Moby, quest’ultima controllata dall’armatore napoletano e velista Vincenzo Onorato, che nel 2012 ha registrato un fatturato di 273 milioni di euro. E proprio andando a vedere il volume d’affari delle due società per azioni, dopo aver deciso di infliggere le sanzioni, l’Autorità garante per la concorrenza e il mercato ha stabilito l’entità della multa. Per pagare, la spa di Onorato e la Compagnia italiana di navigazione hanno tre mesi di tempo. Si tratta dell’ennesimo provvedimento preso in un settore, quello dei collegamenti tra l’Italia e le isole, Sicilia, Sardegna e arcipelaghi minori, dove da tempo i contenziosi si stanno moltiplicando. Alle sanzioni seguono quasi sempre ricorsi e, dopo le privatizzazioni, prima che torni il sereno nei trasporti marittimi in Italia sembra proprio che occorra del tempo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA