Collocati gli ultimi sbarcati. Sui migranti l’Ue cambia verso. Redistribuiti i naufraghi salvati da Open e Aita Mari. La politica della Lamorgese inizia a produrre effetti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Senza un tweet e senza un post, senza minacce e senza odio da diffondere, ma soprattutto senza causare altre inutili sofferenze a chi ha rischiato di morire nel Mediterraneo per raggiungere l’Europa e sperare così in una vita migliore, il ministro dell’interno ha aperto i porti a due navi Ong ed ha ottenuto anche il ricollocamento dei migranti in arrivo negli altri Paesi europei che hanno aderito all’Accordo di Malta. Lavorando al Viminale e dialogando in maniera proficua con l’Ue, Luciana Lamorgese ha risolto senza difficoltà particolari quello che ai tempi del predecessore Matteo Salvini diventava sempre un caso, utile per quest’ultimo a fare propaganda e a incassare voti da chi teme l’invasione da parte degli extracomunitari.

L’ANNUNCIO. Ieri il ministro si è limitato a far sapere di aver assegnato alle navi Open Arms e Aita Mari come porti di sbarco Taranto e Pozzallo e di aver avviato la procedura per la ricollocazione a livello europeo dei 151 migranti presenti a bordo. I naufraghi salvati dalle Ong verranno così distribuiti tra Italia, Germania, Francia e Malta. “In questi ultimi sbarchi si è verificata una cosa mai accaduta prima: prima era l’Italia che faceva la richiesta di redistribuzione in Europa dei migranti che arrivavano, questa volta è stata la Germania a farla, in base al preaccordo di La Valletta”, ha specificato anche la Lamorgese. “Certo – ha aggiunto – non è che questo risolva il problema, però secondo me è un segnale molto importante che l’Europa sta dando”.

“Per risolvere il problema degli sbarchi è importante lavorare in Europa”, le ha fatto eco il premier Giuseppe Conte. Vite umane salvate e nessun peso particolare da sopportare per l’Italia. Anche questo però al solito Salvini non basta. E anche ieri il leader della Lega non ha così fatto mancare il suo messaggio d’odio verso migranti e Ong: “Le ong ordinano e il Viminale obbedisce: 62 immigrati sbarcano a Taranto e altri 78 a Pozzallo. Governo di incapaci e calabraghe! Con i porti aperti più sbarchi, più partenze, più morti in mare e più affari per i trafficanti. Vergogna!”. Senza ovviamente precisare che con lui al Viminale alla fine sono ugualmente sbarcati tutti, dopo aver sofferto per giorni sui ponti delle navi, e in larga parte sono rimasti in Italia.

IL DRAMMA A LAMPEDUSA. Proseguono intanto le ricerche dei venti dispersi nel naufragio di un barcone a largo di Lampedusa, partito dalla Libia con 170 persone a bordo. Il sindaco isolano Salvatore Martello ha escluso che le partenze stiano aumentando per la decisione del Governo di rivedere i decreti sicurezza. Per il primo cittadino va però rivisto il sistema dell’accoglienza, essendo l’isola ormai al collasso: “Dobbiamo spogliarci tutti dall’appartenenza politica e affrontare il problema migrazioni come Stato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA