Com’è dolce la vita a Caracalla. La Traviata apre la stagione della lirica nella Capitale. L’opera di Verdi ambientata nella Roma di Fellini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si apre con un grande classico. Sarà La Traviata di Giuseppe Verdi ad inaugurare stasera la stagione della lirica della Capitale alle Terme di Caracalla. Ma sarà una versione inedita quella che è stata affidata alla regia dell’italoamericano Lorenzo Mariani, ambientata nella Roma della Dolce Vita del grande Federico Fellini. Per Mariani si tratta, in realtà, di un ritorno. A Caracalla, infatti, era già stato protagonista con il Barbiere di Siviglia, rivisitato in stile hollywoodiano, nel 2014. Nella Traviata di stasera, invece, collaborerà col celebre direttore d’orchestra Yves Abel.

Nell’adattamento, con i costumi di Silvia Aymonino e le scene di Alessandro Camera, la cortigiana Violetta diventa un’attrice vittima del mondo cinematografico.  “Dvorata da una società che va troppo veloce e che ha perso i propri valori – spiega il regista Mariani – perché la società degli anni 50’ 60’ divorava l’individuo, come quella dell’800”. Insomma, la storia non cambia, quella di una donna in lotta per la propria libertà di amare. “Quest’opera riflette a pieno le caratteristiche delle nostre produzioni, che sono qualità e popolarità – sottolinea il direttore artistico della manifestazione, Carlo Fuortes – e grazie alle quali siamo riusciti a triplicare gli introiti, passando dagli 1,4 milioni del 2013 agli oltre 5 milioni di euro che contiamo di incassare in questa edizione”. Nello spettacolo che andrà in scena fino al 20 luglio, con le coreografie di Luciano Cannito, il ruolo di Violetta è interpretato da Kristina Mkhitaryan e Valentina Varriale (4, 6 e 8 luglio), che ha fatto parte della prima edizione di Fabbrica Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma. Alfredo sarà interpretato da Alessandro Scotto di Luzio e Giulio Pelligra (4, 6, 8, 15 e 20 luglio), Germont da Fabián Veloz e Marcello Rosiello (4, 6 e 8 luglio). Nel cast anche Roberto Accurso (Barone Douphol), Graziano Dallavalle (dottor Grenvil) e Domenico Colaianni (marchese d’Obigny). Irida Dragoti (Flora Bervoix), Rafaela Albuquerque (Annina) e Murat Can Güvem (Gastone) fanno parte del progetto Fabbrica. In scena il Coro del Teatro dell’Opera di Roma diretto dal Maestro Roberto Gabbiani. Dopo la prima di stasera, La traviata di Verdi sarà replicata per tutta la settimana e riproposta anche venerdì 13, domenica 15 e ancora venerdì 20 luglio. L’inizio di tutti gli spettacoli è fissato per le 21. Mentre i biglietti possono essere acquistati alla Biglietteria del Teatro Costanzi, sul sito operaroma.it e, nei giorni di spettacolo, a partire dalle 19.30, anche alla biglietteria delle Terme di Caracalla.