Con l’emergenza mafie e amministratori collusi riscuoteranno più consensi. L’allarme di Gratteri: “Il Governo parli con le banche. Devono rischiare un po’ di più”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Le mafie sono presenti dove c’è da gestire denaro e potere, quindi molte operazioni le élite delle mafie non le fanno solo per arricchirsi ma anche per avere consenso. Pensiamo ai lavoratori in nero e in che situazione si trova adesso questa gente che viveva a 30 euro al giorno. Il capomafia quando andrà a prendere pacchetti di voti avrà vita facile perché riesce a dare risposte immediate”. E’ quanto ha detto a Circo Massimo su Radio Capital il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri.

“L’altro tema – ha aggiunto Gratteri – è l’usura. Immaginiamo imprenditori che hanno ristrutturato il locale indebitandosi. Adesso le banche non daranno loro soldi. Chi li darà? L’usuraio ‘ndranghetista vuole meno garanzie, perché sa che la garanzia è la vita del commerciante. Inizialmente gli interessi sono più bassi, sotto la soglia delle banche per incentivare il commerciante. Poi inizierà una lenta agonia. L’obiettivo dell’usuraio mafioso non è guadagnare, ma rilevare l’attività commerciale. Faremmo molti passi indietro nella conquista del territorio da parte dello Stato se le mafie dovessero riuscire a comprare ancora altra imprenditoria”.

“Oggi – ha detto ancora il procuratore di Catanzaro – purtroppo siamo abituati a valutare in modo diverso la povertà. C’è disagio, perché c’è gente che da anni vive con un introito di nero con trenta o non più di cinquanta euro al giorno. Oggi questa gente non ha questi trenta euro. Anche noi stiamo aiutando le banche alimentari per mandare i beni a queste persone. E’ un problema vero che tocco anch’io con mano. In questo momento penso alla piccola e media impresa, perché il fenomeno dell’usura non è un problema solo meridionale”.

“E’ necessario – ha detto ancora Gratteri – che il governo parli direttamente con le banche. Devono rischiare un po’ di più. C’e’ bisogno di soldi veri in mano ai piccoli e medi imprenditori altrimenti non ne usciamo. A questi elenchi degli imprenditori, dei commercianti e dei poveri in difficoltà sarebbe il caso che dessero uno sguardo la Guardia di Finanza, la Questura e i Carabinieri. E’ bene dare le risorse ai sindaci perché si risparmiano molti passaggi, ma se il sindaco è un mafioso o un faccendiere, farà figli e figliastri”.