Concordia, un dramma senza fine

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Battuta d’arresto nei lavori sulla Costa Concordia, arenata sull’isola del Giglio.

Il primo dei 19 cassoni montato sul lato di dritta del relitto ha ceduto.

E’ avvenuto questo pomeriggio nel cantiere all’Isola del Giglio. Il cedimento avrebbe provocato l’inclinazione delle strutture di sostegno con cui vengono posizionati i cassoni per il rigalleggiamento della nave.

Il cedimento del cassone è avvenuto sotto il livello del mare, ma dall’esterno, sopra la superficie dell’acqua, si può notare che la struttura che lo deve sorreggere si è piegata su un lato e non è più simmetrica alla fiancata di dritta del relitto. Secondo quanto appreso dall’Ansa i cedimenti strutturali al cassone sono stati due e si sono verificati intorno alle 17.30 in due momenti successivi a breve distanza di tempo tra loro. Questo cassone è stato installato tra il 26 e il 28 aprile. Sono tre i cassoni finora montati sulla Concordia: domani è prevista l’operazione di installazione di un quarto e, con il via libera dato appena ieri dall’Osservatorio per la Concordia, i lavori per questa fase preliminare alla rimozione del relitto possono proseguire senza altri intoppi: in totale devono essere montati 19 cassoni (sponson) sul relitto, 15 sul lato dritto e i quattro restanti sul lato di sinistra.