36 anni allo Schettino coreano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Condannato lo “Schettino coreano”. Lee Jun-Seok, capitano del traghetto Sewol, è stato condannato dalla Corte di Gwangju a 36 anni di carcere, mentre è stato prosciolto dalle accuse di omicidio. Il traghetto è affondato il 14 aprile al largo delle coste meridionali della Corea del Sud e il bilancio fu di 300 vittime. Il capitano era stato accusato di aver abbandonato la nave mollando i passeggeri. L’accusa era quella di omicidio che avrebbe potuto portare addirittura a una condanna alla pena di morte. Riconosciuta invece solo la colpevole negligenza. Arrestati altri tre membri dell’equipaggio condannati dal verdetto del tribunale a 30 anni di carcere. Ma ci sono anche altre condanne per altri membri dell’equipaggio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA