Conflitto di interessi, ecco il testo targato M5S. A vigilare sarà l’Antitrust. Tra le proposte anche l’innalzamento dello stop alle toghe in politica da 6 mesi a 2 anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sul conflitto di interessi, M5s tira dritto. Con la presentazione del nuovo testo base in commissione Affari Costituzionali a Montecitorio, da parte del presidente Giuseppe Brescia (nella foto), si punta “a una seria e rigorosa prevenzione dei conflitti d’interessi per una politica libera da influenze e interessi personali e privati” su cui vigilerà “l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato”. Tra le tante novità spiccano quella secondo cui “i titolari delle cariche di governo nazionali iscritti ad albi o elenchi professionali, sono sospesi di diritto da quest’ultimi per tutta la durata della carica” e lo stop alle toghe in politica dove viene innalzato, da 6 mesi a 2 anni, prima dell’accettazione della candidatura, del periodo considerato ai fini dell’ineleggibilità.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA