Congo, Di Maio: “Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari. Due servitori dello Stato strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere”

LUIGI DI MAIO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ho appreso con grande sgomento e immenso dolore della morte oggi del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo e di un militare dell’Arma dei Carabinieri. Due servitori dello Stato che ci sono stati strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere”. E’ quanto afferma in una nota il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, commentando l’attacco avvenuto in Congo dove ha perso la vita l’Ambasciatore italiano, Luca Attanasio, e il carabiniere, Vittorio Iacovacci, che si trovava con lui.

“Non sono ancora note le circostanze di questo brutale attacco – aggiunge l’esponente dell’Esecutivo – e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto. Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi alla Farnesina e nell’Arma dei Carabinieri”.

“Stiamo attivando tutte le istituzioni competenti – ha poi aggiunto Di Maio prima di lasciare Bruxelles – per arrivare il prima possibile alla verità sul vile attacco che hanno subito i nostri due servitori dello Stato che hanno perso la vita. Presto riferirò le novità al Parlamento a cui ho dato immediata disponibilità”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA