Concorrenza a fucilate. Arrestati i presunti assassini del duplice omicidio dei titolari della pizzeria di Brescia. Sono un indiano e un pakistano proprietari di un locale concorrente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Svolta nelle indagini sul duplice omicidio di Brescia. Ad uccidere Franco Seramondi, noto in città come Frank, e sua moglie Giovanna Ferrari nella loro pizzeria sarebbero stati un indiano e un pakistano, titolari di una pizzeria vicina a quella delle vittime.

 

I presunti assassini sono stati fermati a Casazza, nella Bergamasca, e sarebbe stata anche recuperata l’arma del delitto, un fucile a canne mozze. Il movente sarebbe la concorrenza che la pizzeria italiana faceva a quella dei due immigrati.

 

Numerosi gli indizi a carico dei due arrestati. Gli autori del delitto erano stati ripresi dalle telecamere mentre entravano nel locale dove è stato commesso il duplice omicidio con il volto coperto da caschi integrali.

“Abbiamo fermato i due esecutori materiali del duplice delitto della pizzeria Frank. Il presidio dello Stato funziona, è attivo ed è efficace e rafforza il senso di sicurezza e di protezione nei cittadini”, ha commentato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA