Consulenti, a Palazzo Chigi c’è poca trasparenza. I nomi dei nuovi collaboratori del Conte 2 non sono ancora pubblici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“In via di definizione”. Da 61 giorni esatti campeggia questa scritta sul sito istituzionale di Palazzo Chigi alla voce “Dirigenti o titolari di incarichi presso gli Uffici di diretta collaborazione” del presidente del Consiglio e degli altri ministri senza portafoglio. Nonostante si chiami “amministrazione trasparente” la sezione dedicata, di trasparenza c’è ben poco: a distanza di due mesi dall’insediamento del nuovo Governo presieduto da Giuseppe Conte è letteralmente impossibile conoscere i nomi di assistenti, portavoce, uffici stampa, collaboratori e consulenti che premier, sottosegretari e ministri hanno deciso di portare con sé. E, soprattutto, è impossibile conoscere l’entità dei guadagni di ognuno dei prescelti.

Il dettaglio non è di poco conto dato che parliamo, nella gran parte dei casi, di stipendi che superano anche i 100mila euro lordi annui. E invece, nonostante molti dei consulenti e collaboratori da due mesi ricevano una lauta retribuzione, risulta impossibile conoscere i loro nomi. La Notizia, ovviamente, non si è fatta scoraggiare dalla “amministrazione trasparente” per nulla trasparente. E ha preso il telefono in mano contattando direttamente l’ufficio stampa di Palazzo Chigi per ottenere un’informazione di evidente interesse pubblico. Risultato? Dopo un rimpallo a dir poco inquietante e ben 7 telefonate a vari uffici che scaricavano la palla su altri uffici in un incredibile gioco allo scaricabarile, alla fine abbiamo dovuto arrenderci all’impossibilità di conoscere i nomi dei nuovi consulenti e collaboratori del Governo Conte.

Ma attenzione: se a Palazzo Chigi non abita (almeno per ora) la trasparenza, negli altri ministeri non va meglio. A eccezion fatta dell’Ambiente (dove per la verità, non essendo cambiato ministro, giocoforza non c’era nessuno da nominare e dunque niente da rinnovare), solo i dicasteri retti da Dario Franceschini e Teresa Bellanova hanno già pubblicato i nomi dei nuovi consulenti. Per il resto tutto tace. Ovviamente sappiamo bene che non è responsabilità diretta dei ministri o dei sottosegretari, quanto dei burocrati e dei tecnici che regolano la vita dei singoli dicasteri. Ma, forse, sarebbe ora che qualcuno richieda a chi di dovere una dovuta e rigorosa trasparenza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA