Consulenze per 155 milioni in sei mesi alla Difesa. La Von der Leyen sotto accusa a Berlino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Spese per 155 milioni di euro solo nei primi sei mesi dell’anno. Le consulenze esterne continuano a gettare ombre sull’operato di Ursula von der Leyen (nella foto), la nuova presidente della Commissione europea, da ministra della Difesa tedesco. Mentre una commissione d’inchiesta ad hoc nel Bundestag continua a indagare sui sospetti di violazione delle norme sugli appalti e nepotismo, oggi il dicastero in risposta a un’interrogazione di Matthias Höhn, deputato della Linke, ha dovuto rendere noto l’esborso sostenuto per le consulenze esterne nella prima metà del 2019: una cifra, 155 milioni, di poco inferiore a quella spesa da tutti gli altri ministeri messi assieme (178 milioni di euro). Il Governo ha provato a giustificarsi, ma le ombre sull’operato diventano sempre più grandi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA