Consulta, già bruciata pure la Ferraioli (FI)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Chissà se ci sarà la tanto auspicata fumata bianca per la Consulta. Il Parlamento tornerà a riunirsi in seduta comune per l’elezione di due giudici della Consulta e uno del Csm giovedì prossimo alle 13. E il presidente della Camera, Laura Boldrini, ha ammonito il Parlamento: “Spero veramente che questa volta ci sia la fumata bianca”. Ancora qualche ora per provare a trovare la quadra. Tutta la questione ruota attorno al candidato di Forza Italia per la Corte costituzionale. Già quattro quelli silurati, l’ultima in ordine di tempo Alessandra Sandulli. E non sembra convincere il nuovo nome portato avanti dagli azzurri, quello di Marzia Ferraioli. Già bocciato dai 5 Stelle. “Dopo l’indegno comportamento di Forza Italia contro la prof. Alessandra Sandulli, colpevole, per Berlusconi, di essersi dichiarata indipendente dalla politica, oggi la stampa parla di Marzia Ferraioli come nuova candidata. Se il nome fosse confermato”, attacca il deputato a 5 Stelle Danilo Toninelli, “significherebbe che Forza Italia dopo aver proposto un nome di alto livello torna a usare la Consulta per sistemarci suoi soldati. Infatti Marzia Ferraioli è una candidata non eletta alle scorse elezioni europee proprio sotto la bandiera di Forza Italia”.