Per la Consulta è incostituzionale la sospensione della prescrizione in caso di rinvio del processo per motivi legati all’emergenza Covid

prescrizione consulta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Contrasta con il principio di legalità la sospensione della prescrizione prevista qualora il capo dell’ufficio giudiziario adotti un provvedimento di rinvio dell’udienza penale, nell’ambito di misure organizzative volte a contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 e a contenerne gli effetti negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria”. E’ quanto ha affermato la Corte costituzionale con una sentenza depositata oggi (qui il testo), redattore Giovanni Amoroso, dichiarando illegittima la norma che prevede la sospensione del corso della prescrizione “per il tempo in cui i procedimenti penali sono rinviati ai sensi del precedente comma 7, lettera g), e in ogni caso, non oltre il 30 giugno 2020”.

In particolare, la Corte ha ravvisato la violazione del principio di legalità (sancito dall’articolo 25, secondo comma, della Costituzione) “perché il rinvio delle udienze, cui si ricollega la sospensione della prescrizione, costituisce il contenuto soltanto eventuale di una misura organizzativa che il capo dell’ufficio giudiziario può adottare, quale facoltà solo genericamente delimitata dalla legge quanto ai suoi presupposti e alle finalità da perseguire”.

La sentenza della Consulta spiega, inoltre, “che la previsione normativa della sospensione del decorso della prescrizione ha valenza sostanziale in quanto determina un allungamento complessivo del termine di estinzione del reato e, dunque, ricade nell’area di applicazione del principio di legalità che richiede – proprio perché incide sulla punibilità – che la fattispecie estintiva sia determinata nei suoi elementi costitutivi in modo da assicurare un sufficiente grado di conoscenza o di conoscibilità”.

“La norma censurata, nel prevedere una fattispecie di sospensione del termine di prescrizione – scrive ancora la Consulta in una nota -, rinvia a una regola processuale non riconducibile alle ipotesi indicate nell’articolo 159 del Codice penale, in quanto il suo contenuto è definito integralmente dalle misure organizzative del capo dell’ufficio giudiziario, «così esibendo un radicale deficit di determinatezza, per legge, della fattispecie, con conseguente lesione del principio di legalità limitatamente alla ricaduta di tale regola sul decorso della prescrizione”.

In un precedente pronunciamento, arrivato nel dicembre scorso, la Corte costituzionale aveva dichiarato legittimo il provvedimento con cui il Governo aveva sospeso i termini di prescrizione in quanto la norma era ancorata “alla sospensione dei processi dal 9 marzo all’11 maggio 2020, prevista per fronteggiare l’emergenza sanitaria”.