Forte ripresa dei contagi in Francia. Macron annuncia nuove misure anti-Covid. Vaccino obbligatorio per il personale sanitario

Francia Macron
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente francese Emmanuel Macron si è rivolto ai francesi, con un messaggio televisivo, dopo il consiglio di Difesa sanitario che si è tenuto oggi all’Eliseo. In Francia, si stanno infatti moltiplicando timori e segnali d’allerta per la rapida avanzata della variante Delta, che ormai rappresenta circa il 50% dei contagi.

Macron ha annunciato nuove misure anti-Covid in particolare la vaccinazione obbligatoria del personale sanitario, “un’ipotesi molto probabile e legittima”; ha detto il segretario di Stato agli Affari europei, Cle’ment Beaune.

Oltre alle vaccinazioni, Macron ha annunciato annunciare l’irrigidimento di alcune misure riguardanti l’accesso agli eventi pubblici o a luoghi potenzialmente propizi al contagio, attraverso una possibile estensione del pass sanitario che permette di verificare lo status sanitario di una persona.

Al momento, c’è una “forte ripresa” dell’epidemia di Covid-19, che riguarda “tutte le nostre regioni”, ha spiegato il capo dell’Eliseo nel suo atteso discorso alla nazione. “Quando la scienza ci offre i mezzi per proteggerci, dobbiamo usarli con fiducia nella ragione e nel progresso”, ha continuato, “dobbiamo muoverci verso la vaccinazione di tutti i francesi, perché è l’unico modo per tornare alla vita normale”.

Il presidente Macron ha annunciato, inoltre, che entro il 15 settembre dovrà essere vaccinato “il personale infermieristico e non infermieristico di ospedali, cliniche, case di riposo, strutture per disabili, tutti i professionisti o volontari che operano a contatto con anziani o fragili, anche nelle case private”. Dal 15 settembre, ha poi avvertito Macron, partiranno i controlli e applicate le relative sanzioni.

Da inizio agosto, ha detto ancora Macron nel messaggio alla nazione, il pass sanitario sarà richiesto in Francia per entrare nei ristoranti, nei bar, negli aerei, nei pullman e nei treni. Il presidente francese ha aggiunto che dal 21 luglio il pass sarà già richiesto per entrare nei cinema, nei teatri e in altri luoghi dello svago. Il pass sanitario, ha precisato, “significa una vaccinazione o un test negativo al coronavirus”.