Conte a gonfie vele. Stabile al 60% la fiducia nel premier. I due Mattei invece sono messi male

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua la caduta libera della Lega nei sondaggi. Anche questa settimana, infatti, il partito di Matteo Salvini (nella foto a destra) perde terreno: secondo la rilevazione condotta da Ixè per il programma della Rai Cartabianca il Carroccio è al 25,6%. La scorsa settimana era al 25,9. Più in generale dopo più di sei mesi di erosioni la Lega ha perso praticamente nove punti rispetto al 34% preso alle elezioni europee. Restando nell’area di centrodestra, mostra un calo anche Fratelli d’Italia che al 12%, mezzo punto in meno rispetto alla scorsa settimana ma quasi il doppio rispetto al voto per l’Europarlamento. Piccola ripresa per Forza Italia che passa dal 7,7 al 7,9%: il partito di Silvio Berlusconi ha comunque recuperato due punti in due mesi.

Nell’area di Governo, sono stabili i due principali partiti, col Pd al 22,9 e il M5S al 16,4, e questa settimana guadagna un punto Italia Viva: era all’1,9% ora è al 2,9%. La Sinistra è sempre avanti al partito dell’ex premier col 3,2%. Al momento, dunque, la maggioranza che sostiene l’esecutivo avrebbe lo stesso consenso dell’opposizione di centrodestra. Diversa la situazione sul fronte dei leader. Classifica sempre guidata dal premier Giuseppe Conte, stabile al 60% di fiducia. Segue con quasi la metà del consenso – il 35% – Giorgia Meloni.

Poi Matteo Salvini al 31%, Nicola Zingaretti al 28%, Luigi Di Maio al 26% e Silvio Berlusconi al 24%. Ultimo Matteo Renzi con 12 punti, 48 in meno del presidente del consiglio. Sia Salvini che Meloni, i volti dell’opposizione, hanno perso tra i due e i tre punti nelle ultime settimane. Conte, invece, ha guadagnato 21 punti durante l’emergenza. In precedenza il record risale al giuramento da premier del giugno 2018 col 48% del consenso. L’epidemia ha fatto crescere anche la fiducia del governo Conte 2, sostenuto da Pd e M5s: il 57% degli intervistati si fida dell’esecutivo, il 18 febbraio era solo il 35.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA