Conte-bis, Grillo: “E’ l’occasione per dimostrare che le poltrone non c’entrano nulla. I ministri siano personalità al di fuori dalla politica. Ruolo politico ai sottosegretari”

dalla Redazione
Politica

“Questa crisi somiglia sempre di più ad un guasto dell’ascensore: quello che conta è mantenere la calma, non fare puzze e non dimenticare chi siamo. Non facciamoci distogliere dalle incrostazioni che la realtà ha lasciato sui nostri scudi, è assolutamente normale ed atteso che ogni accenno ad un ministero si trasformi in una perdita di tempo condita da cori di reciproche accuse di attaccamento alla poltrona”. E’ quanto scrive sul suo blog il fondatore del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo, in vista della formazione del nuovo esecutivo M5S-Pd.

“Questo perché un po’ di poltronofilia c’è – aggiunge il comico genovese – ma, sopratutto, non ci sono i tempi né per un contratto e neppure per chiarirci su ogni aspetto, anche fintamente politico, delle realtà che i ministeri dovranno affrontare. Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi ed agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori dalla politica”.

“Il ruolo politico – prosegue Grillo – lo svolgeranno i sottosegretari, ognuno dovrà scegliere secondo verso cui dovrà rispondere nei fatti e sintetizzare, per ogni ministero, l’approccio ottimale e imparare a governare i “tecnici” della burocrazia che li occupano da tempo immemore”.