Conti pubblici, ora si ammette che Parigi è come noi. Ultimo atto di Juncker. Roma non è più la pecora nera d’Europa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non siamo più la pecora nera d’Europa. Schiacciati dal debito pubblico accumulato negli anni, abbiamo sempre difficoltà a rispettare i parametri europei, ma siamo in buona compagnia. La Commissione europea presieduta da Jean-Claude Juncker (nella foto), seppure con le valigie in mano, nelle comunicazioni appena trasmesse all’Europarlamento, al Consiglio e alla Banca centrale sui documenti programmatici di bilancio 2020 presentati dagli Stati membri, è tornata a riconoscere che i problemi dell’Italia sono comuni ad altri Paesi a lungo portati come esempio per Roma, a partire dalla Francia.

Un elemento che fa riflettere ulteriormente sulle politiche di austerità portate avanti per troppo tempo da Bruxelles. A considerare a rischio di non conformità sui requisiti del patto di stabilità e della crescita per il 2020, oltre alla Manovra presentata dall’Italia, l’esecutivo europeo ha indicato così quelle presentate dalla stessa Francia, dal Belgio, dalla Spagna, dal Portogallo, dalla Slovenia, dalla Slovacchia e dalla Finlandia. E per Italia, Belgio, Spagna e Francia, secondo la Commissione, c’è pure il pericolo che le deviazioni siano legate a una insufficiente riduzione del livello elevato del debito pubblico e dalle prevista significativa deviazione dal percorso di avvicinamento ai rispettivi obiettivi di bilancio a medio termine. Roma infine è giudicata anche esposta ad aumenti del costo dell’emissione del debito. E come se non bastasse un’altra crisi economica incombe sull’Europa, rendendo improbabile la ripresa del Pil.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA