Continua a crescere il numero di contagiati. Individuati 552 casi nelle ultime 24 ore. Impennata in Veneto, Lombardia ed Emilia. Zaia: “Abbiamo un virus di ritorno”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continuano a salire i contagi da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore, secondo i dati contenuti nel bollettino giornaliero del ministero della Salute, si sono registrati 552 nuovi casi, 150 in più di ieri, che fanno salire il totale a 249.756. In calo, invece, il numero delle vittime: 3 a fronte delle 6 registrate giovedì.

Gli attualmente positivi sono 12.924, con un incremento di 230 rispetto a ieri. I contagiati all’inizio della pandemia raggiungono quota 249.756. Nessuna regione oggi registra 0 contagi. Sono 779, invece, i pazienti ricoverati con sintomi, di questi 42 si trovano attualmente nelle terapie intensive. In isolamento domiciliare si trovano in 12.103, mentre sale a 201.642 il numero dei dimessi. Tra le regioni, si registra un’impennata dei casi in Veneto (183), Lombardia (69) ed Emilia Romagna (54).

Il Veneto – 183 positivi rispetto a ieri – è la regione con il maggior numero di nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore. Alto anche il numero dei soggetti posti in isolamento, che sono 5.212, ben 1.141 in più rispetto a ieri. Il bollettino regionale registra un nuovo decesso (totale 2.078), mentre la situazione clinica resta stabile, con 9 ricoverati nelle terapie intensive, di cui 6 positivi, e 111 (-10) nei reparti non critici, con 31 positivi (-5). “Noi abbiamo un virus di ritorno. E’ ormai chiaro – ha detto questa mattina il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia – che c’è ed è portato da fuori”.

“Stamattina – ha aggiunto il governatore – abbiamo sentito i direttori sanitari e tutti ci hanno confermato questo leitmotiv. Abbiamo il virus da rientro da veneti che sono andati in vacanza e se lo portano a casa. Abbiamo individuato casi dalla Spagna, dal Perù, da Malta, 8 ragazzi dall’isola di Pag in Croazia, da Corfù”.

“Le vacanze sono un elemento di rischio – ha detto ancora Zaia -, questo è bene dirlo. Non sto facendo campagna contro i nostri competitors, vi sto solo dicendo come stanno le cose. Penso che il mondo debba essere libero, ognuno deve poter andare in ferie dove vuole però è pur vero che noi, da un paio di settimane, siamo concentrati su pazienti che si sono infettati in vacanza. Oggi abbiamo dunque certezza che il virus entra soprattutto da fuori, o perché qualcuno ce lo porta o perché andiamo a prendercelo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA