Controlli a sorpresa dei Nas in 1.161 tra Rsa e case di riposo. Irregolari due strutture su dieci. 18 quelle completamente abusive

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel corso della campagna “Estate Tranquilla”, promossa dal ministero della Salute e dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, i Nas hanno compiuto 1.161 ispezioni nelle Rsa e Case di riposo. I controlli, fa sapere lo stesso ministero, sono stati svolti “senza preavviso, specie nei giorni festivi e in orari serali/notturni, al fine di prevenire e/o individuare carenze assistenziali e possibili episodi di assenteismo e abbandono di persona”.

In seguito alle verifiche compiute dagli esperti dell’Arma “sono stati deferiti all’autorità giudiziaria complessivamente 131 gestori e dipendenti di cliniche private e convenzionate, case di riposo, comunità alloggio e case famiglia, ritenuti responsabili, a vario titolo, di mancata assistenza e abbandono di incapace, esercizio abusivo della professione sanitaria, detenzione di farmaci scaduti, irregolarità in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro”.

“Ulteriori 206 irregolarità di natura amministrativa – fanno sapere ancora i Carabinieri – sono state rilevate per carenze strutturali e disorganizzazione degli spazi comuni e delle camere, a volte utilizzate oltre il limite della capienza per aumentarne indebitamente il numero di posti letto. Nei controlli sono state individuate 208 attività non conformi alle normative, pari al 18%, dei quali 18 risultate gravemente irregolari o addirittura totalmente abusive”.