Coronavirus, Arcuri: “A cavallo della prossima estate potremo vaccinare l’intera popolazione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“A cavallo tra il secondo e il terzo trimestre, cioè a partire dall’estate del prossimo anno saremo potenzialmente in condizioni di vaccinare la totalità della nostra popolazione”. E’ quanto ha detto il commissario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, in audizione alle commissioni riunite Trasporti e Affari sociali della Camera, in merito alla campagna vaccinale anti-Covid. “In Italia – ha spiegato – arriveranno 202 milioni 573 mila dosi che serviranno per 101 milioni di cittadini”.

“Questi 202 milioni – ha detto ancora Arcuri -, allo stato delle previsioni condivise con l’Ue e considerando la quota spettante all’Italia, sono stati divisi nei quattro trimestri del 2021 e nel primo trimestre del 2022. Potremmo ottenere fino a 28 milioni di dosi nel primo trimestre del 2021, fino a 57 milioni di dosi nel secondo trimestre del 2021, fino a 74 milioni nel terzo trimestre e fino a 35 milioni nel quarto trimestre, per poi ricevere gli ultimi 8 milioni nel primo trimestre del 2022”.

“Con Poste Italiane ed Eni – ha spiegato ancora il Commissario – lavoriamo alla realizzazione di un sistema informativo evoluto per tracciare ogni singola dose di vaccino, da quando arriva a quando viene somministrata. Ci saranno anche unità mobili, specialmente per la seconda ondata di vaccinazione, per raggiungere i punti più reconditi del Paese e vaccinare anche gli anziani che non potranno lasciare le loro residenze per andare in uno dei 1500 punti dei somministrazione della seconda ondata”.

Per la somministrazione del vaccino contro il Covid-19. ha detto ancora Arcuri verranno presto selezionate 20mila professionalità “attraverso una richiesta di manifestazione di interesse pubblica che presto emenderemo”.