Coronavirus, Arcuri: “La curva dei contagi si sta raffreddando. I numeri ci confortano. Ma per battere il virus servirà Per battere il virus servirà il vaccino”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La curva dei contagi si sta raffreddando se non congelando, oggi il numero degli italiani ricoverati in ospedale è ancora una volta inferiore. Oggi c’è un’altra notizia, per la prima volta il numero degli italiani ricoverati in terapia intensiva è inferiore, è un segno di speranza e testimonianza che la molteplicità progressiva di misure messe in campo sta iniziando a produrre effetti”. E’ quanto ha detto il Commissario straordinario all’emergenza, Domenico Arcuri, facendo il punto sull’andamento dell’epidemia.

“Il 3 novembre – ha aggiunto il Commissario – l’Italia è stata colorata di tre tinte, abbiamo detto che servisse tempo per dei risultati, oggi possiamo dire che questo sta succedendo. I dati si vanno consolidando e i numeri ci confortano sulle scelte fatte e ci confermano che la responsabilità degli italiani resta alta”.

“Ormai conosciamo il virus – ha detto ancora Arcuri -, oggi è ancora forte ma non è più sconosciuto. Il virus è ancora tra noi, non l’abbiamo sconfitto, lungi dal considerare i dati di questi giorni come definitivi, ma le misure stanno producendo degli effetti. Per battere il virus servirà un vaccino, quello sarà il momento definitivo perché questa triste pagina possa essere in qualche misura girata e potrà costituire una triste e drammatica componente del nostro passato”.