Coronavirus, Brusaferro: “La crescita dei contagi è costante ma piuttosto lenta. Gran parte dei casi avviene a livello intra-familiare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Gran parte dei contagi avviene a livello intra-familiare. Un tema di grande attenzione riguarda anche le attività di integrazione di tipo informale, quindi i gruppi di persone, di amici. Per vedere un effetto nella scuola è ancora presto. Bisogna aspettare ancora qualche settimana. Devo dire che la scuola sta rapidamente identificando le persone con sintomi e questo è un buon segnale per la capacità di tracciare i casi”. E’ quanto ha detto a Rai Radio1 il presidente Istituto Superiore della Sanità, Silvio Brusaferro, a proposito dell’evoluzione dell’epidemia di Coronavirus in Italia.

“La crescita dei contagi – ha aggiunto – è costante ma piuttosto lenta. Questo ci differenzia dai paesi vicini dell’Europa. Potremo immaginare di poter crescere ancora però è importante come ci comportiamo e le misure che sistematicamente adottiamo”. Brusaferro poi ha parlato dei possibili lockdown a livello locale: “In alcune realtà regionali sono stati adottati, servivano a contenere questi focolai in ambito ristretto”.

“Oggi siamo in una situazione di controllo della crescita – ha concluso il numero uno dell’Iss -, c’è la necessità di essere maggiormente rigorosi: nel lavaggio delle mani, nell’uso della mascherina in tutti gli ambienti dove non riusciamo a mantenere le distanze, anche all’aperto. Questo sarà in grado di cambiare anche significativamente l’andamento della curva”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA