Coronavirus, Di Maio: “Arriverà domani a Milano un cargo con circa 10 tonnellate di materiale sanitario donato da alcune province cinesi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Lo sforzo che l’Italia sta sostenendo in queste settimane è grandissimo. E come Governo abbiamo il dovere di dare risposte concrete, soprattutto verso medici, infermieri e operatori sociosanitari che 24 ore su 24 sono in prima linea a combattere l’emergenza Coronavirus. Domani pomeriggio arriverà a Milano, da Shanghai, un volo cargo con circa 10 tonnellate di materiale sanitario donato da alcune province cinesi”. Ad annunciarlo è il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, con un post sulla sua pagina Facebook.

“Si tratta di 30 ventilatori polmonari – scrive ancora Di Maio -, 400.000 mascherine, 60.000 kit diagnostici, farmaci, 5.500 tute protettive, 6.700 occhiali protettivi e molto altro. Aiuti che si vanno ad aggiungere a quelli già arrivati nei giorni scorsi. L’aereo trasporterà anche due gruppi di medici, infermieri ed esperti cinesi che – a seguito delle intese siglate tra i ministeri degli Esteri, della Salute e le Regioni Lombardia e Toscana – si recheranno a Milano e Firenze”.

“Inoltre – annuncia ancora il ministro degli Esteri -, partirà un altro volo cargo per la Cina che porterà in Italia altri 100 ventilatori polmonari e almeno altri 2 milioni di mascherine, in parte già acquistate dalla Protezione Civile e dal commissario straordinario per le strutture ospedaliere, in parte oggetto di donazioni. Mentre dalla Germania sono in arrivo oltre 1.500 tute mediche destinate agli ospedali della Lombardia. L’Italia non è sola e oggi tutto il mondo deve parlare una sola lingua: quella dell’umanità”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA