Coronavirus, Di Maio: “Stiamo lavorando perché un Boeing dell’Aeronautica vada subito a prelevare gli italiani bloccati sulla Diamond Princess. Non c’è più tempo da perdere”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Stiamo lavorando perché un Boeing parta subito”. E’ quanto ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parlando dei 35 passeggeri italiani che attualmente si trovano ancora in quarantena, a bordo della nave da crociera Diamond Princess, bloccata in porto a Yokohama dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Stiamo lavorando ogni ora da stamattina – ha aggiunto il ministro – per favorire il rientro degli italiani sulla nave bloccata in Giappone. L’obiettivo è di riportarli in Italia il prima possibile e con l’allestimento della quarantena in Italia che si deve fare con le strutture militari o le strutture dello Stato”.

“Questo è un momento di grande apprensione per l’Italia – ha aggiunto – e vorrei mandare un messaggio agli italiani sulla nave da crociera in Giappone: stiamo lavorando all’obiettivo di riportarli in Italia il prima possibile. Non c’è più tempo da perdere. Quindi stiamo lavorando affinché subito il Boeing dell’Aeronautica militare li vada a prendere in Giappone e li riporti in Italia. Si è parlato di un italiano che poteva aver contratto il Coronavirus, voglio dire chiaramente che questo italiano ha sposato una statunitense e quindi è rientrato negli Usa con il volo che ha evacuato le persone dalla nave da crociera ieri”.