Coronavirus, Draghi: “La strategia è la vaccinazione e l’osservanza delle regole. Ma servono risposte anche per l’Africa”

MARIO DRAGHI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La strategia è la vaccinazione, che ha considerevolmente migliorato la situazione, e l’osservanza delle regole, dalle mascherine al distanziamento, tutto quello che abbiamo imparato a fare in questo anno e mezzo, con delle lezioni tremende, severe”. È quanto ha detto il premier Mario Draghi, a margine del vertice sul finanziamento delle economie africane, a Parigi, rispondendo a una domanda sulle riaperture (qui il punto stampa). “I protocolli, il distanziamento, le mascherine”, ha aggiunto Draghi, è “quello che abbiamo imparato a fare in questo anno e mezzo con lezioni severe e tremende, che speriamo di dimenticare”.

“Nel vertice di oggi a Parigi – ha detto ancora il presidente del Consiglio Draghi – abbiamo cominciato a organizzare una risposta per l’Africa alle devastazioni della pandemia come e’ stato fatto per l’Europa e per gli Stati Uniti”.

Leggi anche: Il generale bacchetta le Regioni. Figliuolo invita i governatori a smetterla con la propaganda. “Bisogna seguire il piano vaccinale o non ne usciamo”.

“Questo vertice – ha aggiunto il premier Draghi – è stato un punto di incontro di numerose iniziative. L’Europa e gli Stati Uniti hanno risposto alle devastazioni della pandemia attraverso finanziamenti per riparare le economie, finanziamenti per costruire il futuro, tutto con una grande solidarietà e soprattutto garantendo accesso alla vaccinazione per tutti. In Africa non c’è nulla di tutto questo”.

“Quello che questo summit ha voluto fare – ha proseguito il presidente del Consiglio – è cominciare a organizzare risposte per l’Africa come è stato fatto per l’Europa e gli Stati Uniti. Dovrà essere una risposta mondiale e qui le varie proposte sono state discusse. Queste proposte verranno presentate al G20, noi le sosteniamo non solo all’interno del G20 ma in tutte le istituzioni multilaterali, come l’organizzazione della Banca Mondiale per i paesi più poveri. Le proposte vanno dalla distribuzione dei diritti speciali di prelievo alla ristrutturazione dei debiti, che è molto importante”.