Coronavirus, Gallera: “L’ospedale da campo di Bergamo è una priorità ma servono medici, infermieri e operatori aggiuntivi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non c’è alcun ripensamento sulla realizzazione dell’ospedale da campo di Bergamo che per la Regione Lombardia rimane una delle priorità”. E’ quanto ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, in relazione alle notizie diffuse nelle ultime ore. “Abbiamo stabilito, in questa fase – spiega l’assessore – che la messa in funzione delle strutture sanitarie esterne ai presidi ospedalieri tradizionali sia strettamente connessa al reperimento di medici, infermieri e operatori aggiuntivi, che non possono essere sottratti dalle corsie e dagli altri reparti”.

“Così – aggiunge Gallera – sta avvenendo per Cremona, dove si sta allestendo un ospedale da campo del tutto autonomo con mezzi e personale americani, grazie alla donazione della Ong Samaritan’s Purse. Lo slittamento di poche ore dall’avvio della realizzazione dell’ospedale da campo di Bergamo è dovuto proprio alle procedure di arruolamento e contiamo sull’arrivo di medici e dispositivi dall’estero in stretta collaborazione con la Croce Rossa. L’area di Bergamo sta attraversando un momento di grande pressione e per questo stiamo sostenendo con tutte le nostre forze le strutture sanitarie coinvolte. Basti pensare che negli ultimi 3 giorni, grazie al lavoro straordinario dell’unità di crisi, abbiamo trasferito 47 pazienti dagli ospedali della Bergamasca in altre strutture lombarde”.

“Di questi – conclude Gallera -, solo nella giornata di ieri siamo riusciti a trasportare 20 pazienti su un totale di 38 a livello regionale (più del 50 per cento). E’ forte anche l’impegno sul fronte del reperimento del personale: in poco tempo abbiamo inviato al Papa Giovanni XXIII 24 medici e 1 farmacista e l’ospedale stesso ne ha potuti reclutare altri 12, di cui 7 specializzandi, e 1 farmacista. A questi si aggiungono 27 medici e 4 infermieri militari. A Seriate invece abbiamo inviato 12 professionisti e altri 7 ne sono stati reclutati dall’ASST di riferimento”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA