Coronavirus, in arrivo in Giappone il team sanitario che assisterà gli italiani che dovranno essere evacuati dalla Diamond Princess. Di Maio: “Li riporteremo a casa il prima possibile”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuovo vertice, questa mattina, alla presenza del ministro della Salute Roberto Speranza, della task force sull’emergenza Coronavirus. Al tavolo sono state verificate le procedure medico sanitarie per gli Italiani in rientro dalla nave Diamond Princess, bloccata nel porto di Yokohama, dall’inizio dell’emergenza, che seguiranno il periodo di 14 giorni di quarantena.

“Vi assicuro – ha detto ieri sera il ministro degli Esteri Luigi Di Maio – che riporteremo in Italia i nostri connazionali il prima possibile. Ho ringraziato personalmente tutte le donne e gli uomini che con generosità e immensa professionalità sono partiti, con un preavviso di poche ore, mettendosi al servizio dei nostri connazionali. Grazie di cuore a tutti per l’impegno”.

Un primo volo speciale, partito ieri sera da Roma, sta portando in Giappone il personale medico e i materiali sanitari, in modo da anticipare le attività di screening in attesa dell’arrivo del Boeing dell’Aeronautica Militare che effettuerà il trasferimento degli italiani. Del team sanitario inviato in Giappone fanno parte anche due medici dello Spallanzani di Roma.

La task force ha analizzato, inoltre, “il lavoro sulla corretta informazione e contrasto alle fake news, verificando il traffico sul portale del ministero della Salute dedicato al virus che dal 24 gennaio ha registrato 2.204.682 visualizzazioni. Il numero verde 1500, operativo 24 ore su 24, a cui i cittadini possono chiamare per ricevere informazioni sul Covid-19, ha risposto dal 27 gennaio, giorno della sua attivazione, a circa 15.000 chiamate”.