Coronavirus, la Finanza sequestra in un laboratorio di Gioia Tauro 900 tamponi per la diagnosi del virus Covid-19. Venduti online abusivamente senza certificazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza di Gioia Tauro (Reggio Calabria) ha sequestrato, in un centro di analisi biochimiche della Piana, 900 kit (tamponi) per la diagnosi del virus Covid-19 privi di validazione e di certificazione da parte delle autorità sanitarie. L’operazione è scattata nel corso di un piano straordinario di controlli per individuare casi di frodi commerciali e rialzo dei prezzi di dispositivi medici per l’emergenza epidemiologica. In questo caso i kit diagnostici erano posti in vendita su un sito dedicato. Nel corso del controllo condotto dalle Fiamme Gialle è stato accertato che alcuni utenti avevano già effettuato il bonifico per l’acquisto online dei prodotti, non ancora consegnati grazie all’intervento della Guardia di finanza. Oltre al sequestro dei dispositivi medici, al titolare del laboratorio è stata contestata la violazione di una specifica direttiva CE, punita con la sanzione amministrativa da 21.400 euro a 128.400 euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA