Coronavirus, Lamorgese: “Divieti e chiusure limitate necessari per evitare restrizioni peggiori. Il Viminale pronto a rispondere alle richieste dei sindaci”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“E’ in atto un confronto continuo e costruttivo con i sindaci delle aree metropolitane e con l’Associazione dei Comuni. Il ministero è pronto a rispondere alle richieste”. E’ quanto assicura il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, in un’intervista al Corriere parlando delle nuove misure di contenimento dell’epidemia di Coronavirus varate da Governo e Regioni.

Alcuni sindaci, a suo avviso, “hanno sentito sulle loro spalle un peso eccessivo” e insieme con i governatori “sono in prima linea, ma il collante che ci tiene uniti non può che basarsi sullo spirito di collaborazione tra istituzioni”. “Se ogni sindaco – ha aggiunto il titolare del Viminale – volesse un ulteriore contingente fisso anche nelle città più piccole, non sarebbe possibile. Il momento di sintesi non può che essere nei comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica”.

I reparti mobili “non sono utilizzabili per questo tipo di controlli” e sottolinea che “stiamo facendo e faremo di tutto per evitare” il lockdown, perché “sarebbe un colpo durissimo all’economia e per la tenuta sociale del Paese. Divieti e chiusure limitate sono necessari proprio per prevenire situazioni e restrizioni peggiori”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA