Coronavirus, Magrini (Aifa): “Da Pasqua potremmo essere in grado di vaccinare 10 milioni di cittadini”

NICOLA MAGRINI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Quando partirà la vaccinazione di massa? Da Pasqua in avanti potremmo essere in grado di vaccinare 10 milioni di cittadini e più al mese. Ci aspettiamo che non tardi il vaccino di Johnson&Johnson il cui dossier è in corso di valutazione presso Ema”. E’ quanto ha detto al Corriere il direttore dell’Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini.

“In Italia – ha aggiunto parlando del vaccino Astrazeneca – è prevalso il parere di Aifa per cui a partire dal dossier dell’Agenzia europea per i medicinali si è visto che i dati di efficacia stimabili erano limitati agli under 55. Nella fascia 55-65 anni i dati erano pochi”.

Il direttore dell’Aifa sottolinea che “AstraZeneca è comunque registrato per tutti” e che “non bisogna essere diffidenti”. Per Magrini “gli anticorpi monoclonali sono potenzialmente promettenti per una certa tipologia di pazienti ben definita, quindi si è deciso di dare un’apertura all’uso in via eccezionale e temporanea. Non è un via libera, non è un’approvazione piena”.

Alla domanda su quanti pazienti avranno il farmaco in Italia, risponde: “Qualche centinaio al giorno. Pazienti in fase iniziale dell’infezione, a rischio di rapido peggioramento, non ancora ospedalizzati. Il farmaco potrebbe arrivare entro un paio di settimane”. Magrini poi fa sapere che saranno valutati altri due farmaci: la colchicina e l’ivermectina.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA