Coronavirus, oltre 1,4 milioni di persone hanno sviluppato anticorpi. Sei volte in più i casi ufficiali. Ma l’indagine di sieroprevalenza non ha raggiunto il campione fissato da Istat e ministero della Salute

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un milione 482 mila persone, pari al 2,5% della popolazione residente in famiglia, risultano con IgG positivo, hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il Coronavirus. Quelle che sono entrate in contatto con il virus sono dunque 6 volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia attraverso l’identificazione del Rna virale. E’ quanto emerge dall’indagine di sieroprevalenza condotta da Istat e ministero della Salute.

I risultati della campagna sono relativi a 64.660 persone (l’obiettivo era un campione di 150mila) che hanno effettuato il prelievo volontario e il cui esito è pervenuto entro il 27 luglio. Anche se il campione non è stato raggiunto, spiegano da Istat e ministero della Salute, le tecniche adottate hanno permesso la produzione di stime coerenti, sia con i dati di contagio e mortalità sia con i risultati delle indagini condotte a livello locale.

Dall’indagine sono emerse marcate differenze territoriali. Lo sviluppo degli anticorpi al SarsCov2 è risultato, infatti, molto accentuato in Lombardia, dove ha raggiunto il massimo con il 7,5% di sieroprevalenza, ossia 7 volte il valore rilevato nelle regioni a più bassa diffusione, soprattutto del Mezzogiorno.

“Il 2.5% della popolazione ha sviluppato anticorpi – ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza – e questo ci dice che il fenomeno è stato significativo e che ha toccato quasi un milione mezzo di persone. Il dato più eclatante, che emerge con maggiore forza, è quello delle differenze territoriali molto significative. Aree del territorio hanno pagato un prezzo molto più alto e aree che siamo riusciti a salvaguardare. Questo dobbiamo tenerlo ben presente e considerarlo un monito e una lezione”.

“Siamo fuori dalla tempesta e il momento più difficile è alle nostre spalle – ha aggiunto Speranza – ma è vero che non siamo in un porto sicuro e c’è bisogno ancora di prudenza e di cautela. Siamo in un momento tra i più difficili sul piano internazionale e questo significa che dobbiamo continuare il percorso di riaperture ma con gradualità e prudenza: il governo continuerà a muoversi con determinazione sulla linea della cautela e prudenza che ha saputo piegare la curva. I comportamenti corretti e le misure hanno evitato che il virus si diffondesse in modo ampio in tutto il paese”.

“Lo studio – ha spiegato ancora il ministro della Salute – è un tassello importante per comprendere il fenomeno e sono numeri importanti frutto di un lavoro di squadra , per cui voglio ringraziare Istat e Croce Rossa italiana oltre che ministero della Salute. Dietro queste statistiche c’è il lavoro di migliaia di persone, ma ringrazio in primis gli oltre 60mila italiani che hanno partecipato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA