Coronavirus, Palazzo Chigi rimuove il segreto sui verbali del Comitato tecnico scientifico. Da oggi si possono consultare sul sito della Fondazione Einaudi

dalla Redazione
Politica

Palazzo Chigi scegli la trasparenza rimuovendo, dopo le polemiche delle ultime settimane e il ricorso al Tar della Fondazione Einaudi, il segreto dai verbali del Comitato tecnico scientifico su cui sono stati basati i Dpcm con le misure di contenimento adottati dal premier Giuseppe Conte durante l’emergenza coronavirus.  La Fondazione Einaudi, in una nota, ha annunciato la pubblicazione dei documenti (oltre 200 pagine) sul proprio sito (qui) dopo averli ricevuti via Pec dal capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

Il Governo, si legge ancora nella nota della Fondazione, “ha pertanto deciso di rivedere la propria posizione, anticipando il prevedibile esito dell’udienza collegiale fissata per il 10 settembre 2020, innanzi alla Terza Sezione del Consiglio di Stato e aderire alle richieste degli avvocati, fortemente rilanciate dalla Fondazione Luigi Einaudi e sostenute da molti parlamentari e da gran parte dell’opinione pubblica”.

I legali della stessa Fondazione hanno espresso “grandissima soddisfazione per il risultato raggiunto e l’affermazione del Diritto alla Conoscenza, in osservanza dei principi di buon andamento della Pubblica Amministrazione previsti dall’articolo 97 Costituzione”. La trasparenza, aggiungono nella nota, “è un principio imprescindibile delle liberal-democrazie, che impone la pubblicazione di tutti gli atti riguardanti la compressione, più o meno incisiva, di diritti e libertà di rango costituzionale: in tal senso, la Fondazione Luigi Einaudi auspica che il Governo compia l’ulteriore passo sulla strada della trasparenza e pubblichi autonomamente tutti gli altri verbali del Comitato Tecnico Scientifico, utilizzati a supporto dei vari Dpcm adottati dal Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, nel corso della pandemia da Covid-19”.