Coronavirus, per il Governo è insostenibile l’ipotesi di ripristinare i controlli alle frontiere in deroga a Schengen

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi presso la sede della Protezione civile si è svolta una riunione dedicata all’emergenza coronavirus con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i ministri alla Salute e agli Esteri, Roberto Speranza e Luigi Di Maio, il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, e collegamento i governatori Fontana, Fedriga, Cirio, Zaia, Toti, un rappresentante della VdA e il presidente della provincia di Bolzano Kompatscher.

“Nel corso dell’incontro – fa sapere il Dipartimento della Protezione civile – sono state esaminate tutte le criticità riguardanti i flussi transfrontalieri e il controllo dei confini aerei, marittimi, terrestri e ferroviari, ivi compresa l’eventualità di ripristinare i controlli alle frontiere in deroga a Schengen. Dalla discussione è emerso che sebbene ci sia una praticabilità giuridica, non sussiste la sostenibilità pratica per una tale sospensione. E in ogni caso tale misura non garantirebbe nessuna efficacia cautelativa”.

“Il governo italiano – prosegue la nota – ha proposto una riunione con i ministri della Salute dei paesi confinanti. L’obiettivo sarà arrivare a condividere linee d’azione comuni. Nella riunione di oggi molti governatori hanno manifestato preoccupazione per la mobilità dei cittadini italiani pendolari transfrontalieri”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA