Coronavirus, Sileri: “La sorveglianza ora è la parte più importante. Arrivare a più di 200mila tamponi al giorno”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per quanto riguarda i trasporti si può aumentare la capienza a patto che si rispettino le regole perché, così facendo, il rischio è molto basso. Per le scuole, qualora dovesse esserci un positivo, dovrà essere isolato, fare il tampone e poi farli a coloro che sono all’interno di quella classe. La sorveglianza ora è la parte più importante”. E’ quanto ha detto a Radio Anch’io il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri. “Il numero di tamponi sta crescendo sempre di più – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo -, ma in inverno sarà necessario avere una potenza di fuoco maggiore. Si potrà arrivare a 200mila al giorno e forse anche di più, ma servirà nei prossimi mesi. L’app Immuni? Sicuramente in alcune circostanze c’è un problema pratico, ma speriamo di arrivare almeno a 10 milioni. Sarebbe molto più facilitato il contact tracing e il lavoro dello Stato sarebbe facilitato. Immuni rappresenta la libertà di non dover andare in quarantena e fare il tampone se non c’è stato un contatto stretto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA