Corsa al Colle senza esclusione di colpi. Renzi mette in guardia i Dem: se falliamo tutto il Pd sarà colpevole

Ora tutta l’attenzione è sul Quirinale e lo sa bene il premier Matteo Renzi che ha messo in guardia anche il suo Partito democratico. “Il Pd ha una responsabilità nell’elezione del nuovo presidente della Repubblica per cui o siamo in condizioni di fare quel che necessario o se si fallirà come nel 2013 noi saremo additati come colpevoli. Siamo un partito che discute su tutto”, dice il premier in direzione, a partire dalla designazione del presidente della Repubblica. C’è chi dice: Renzi indica il nome, ma non è un gioco di ruolo. La disponibilità alla discussione non è un optional ma un metodo che rivendichiamo”.  Renzi, pur conoscendo le difficoltà, auspicherebbe una scelta condivisa e per questo apre ancora al Movimento 5 Stelle: “I Cinque stelle se vogliono stare al tavolo della scelta del presidente della Repubblica ci stiano. Devono scegliere se essere nelle mani di quelli che vogliono impiccare gli altri o nel gioco istituzionale. Spero colgano l’occasione, faremo anche senza di loro ma sarebbe bello insieme a loro. Niente ironie, niente demagogie, coinvolgeremo tutti. Se qualcuno si chiama fuori faremo senza di lui. Non accettiamo veti da nessuno”.

Corsa al Colle senza esclusione di colpi. Renzi mette in guardia i Dem: se falliamo tutto il Pd sarà colpevole
Pubblicato il - Aggiornato il alle 03:11
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram