La corsa dei prezzi non si ferma. E l’inflazione spinge lo spread. Neppure l’effetto Draghi ferma i rincari. Differenziale Btp-Bund ai massimi da un anno

inflazione Istat
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una corsa che continua senza sosta da quattro mesi consecutivi. Con un aumento dello 0,6% solo negli ultimi trenta giorni che porta la crescita dell’inflazione su base annua al 2,9%. Una fotografia, quella scattata dall’Istat, che riflette l’impennata anche ad ottobre dei prezzi dei beni energetici (22,9%) e, in misura minore, anche degli alimentari (+1,4%) e dei Servizi ai trasporti (+2,4%).

LA SITUAZIONE- Danno collaterale numero uno: lo spred, il differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi, schizzato in mattinata a 130 punti (ai massimi dal novembre 2020) chiude la seduta a Piazza Affari a quota 128. Insomma, stavolta neppure l’effetto Draghi basta a tranquillizzare i mercati sui quali pesa l’incertezza per le mosse della Bce che, giovedì scorso, ha ribadito che l’inflazione dell’Eurozona (4,1% ad ottobre con un aumento dello 0,7% rispetto settembre) tornerà a scendere solo nel 2022.

Tornando in Italia, l’Istat chiarisce che l’accelerazione su base tendenziale registrata nell’ultimo mese è in larga parte dovuta ai prezzi dei Beni energetici sia della componente regolamentata (da +34,3% a +37%) che a quella non regolamentata (da +13,3% a +15%). Dati in linea con l’analisi Eurostat, che indica proprio nell’energia (+23,5%, il più alto nel 2021, contro il 17,6% di settembre) la principale causa dell’impennata dei prezzi nell’Eurozona.

Sulla quale pesa anche l’inflazione dei servizi (+2,1% a ottobre, +0,4% rispetto a settembre). In lieve calo (-0,1%) invece i beni industriali non energetici al 2%, stabile infine, sempre al 2%, il tasso d’inflazione per alimentari, tabacco e alcol.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA